Collocazioni e creatività linguistica


Lo scrittore francese Jacques LaCarrière ha detto che si ha poesia quando due parole si incontrano per la prima volta. Proprio l'opposto di quanto suggerisce il DCL, che riporta invece le combinazioni di parole di uso frequente e consolidato.

Ma proprio in quanto illustra la parola nei suoi possibili contesti e scenari (oggi si direbbe frames) un dizionario delle collocazioni potrebbe a volte offrire spunti anche a un bravo onomaturgo (per usare l'espressione di Migliorini) stimolandone la creatività in modo più o meno diretto.

Viggiano

Faccio un esempio concreto. Mi viene in mente uno dei versi più famosi della poesia italiana: "e il naufragar m'è dolce in questo mare". Sotto la voce "naufragare" non si troverà sicuramente nel DCL l'avverbio dolcemente (*naufragò dolcemente nel mare in tempesta). Nessun "dolce naufragare" potrà mai essere trovato consultando un dizionario di collocazioni.

Tuttavia, nominalizzando l'espressione otterremo misero naufragio, un'espressione che troviamo già in un poema maccheronico del '700 (I Cantici di Fidenzio). Sul fatto che l'espressione misero naufragio costituisca una collocazione nel senso linguistico del termine non ci sono dubbi. Una delle caratteristiche delle collocazioni è infatti che il collocato (in questo caso "misero") assume nell'espressione un significato figurato spesso con una speciale connotazione: nessuno dei significati figurati di solito assunti da questo aggettivo (secondo GRADIT: gracile; di scarso valore; spregevole) danno infatti conto della particolare sfumatura assunta dall'aggettivo in questa espressione; e di fatto la vediamo usata in sintagmi come un progetto, un matrimonio sfociato in un misero naufragio; un tentativo naufragato miseramente. Notiamo pure che questa combinazione è possibile solo se anche "naufragio" viene usato metaforicamente (ossia applicando implicitamente la figura retorica della similitudine).

Il fatto che, per la loro natura di espressioni, le collocazioni utilizzino appieno gli espedienti della retorica ci porta avanti di un passo verso la creatività, senza ovviamente pretendere di insegnarla.

Condividi questa pagina